Newsroom

Sanità italiana: uno slalom tra costi e lunghe attese

Fanno indubbiamente riflettere i risultati pubblicati dal Censis – Centro Studi Investimenti Sociali – nell’ultimo Rapporto Annuale, per quanto riguarda la situazione sanitaria del nostro Paese. 

Dall’ishutterstock_118955863ndagine risulta che oltre il 42% dei cittadini italiani pensa che la sanità stia peggiorando, percentuale che tocca il 64% al Sud. Inoltre il 55,5% ritiene inadeguato il Servizio sanitario erogato a livello regionale, quota che lievita addirittura all’82,8% nel Mezzogiorno.*

In questo scenario venato di pessimismo, si inserisce il ricorso sempre più frequente degli italiani a soluzioni alternative rispetto alla sanità pubblica: per evitare le lunghe liste d’attesa del Sistema Nazionale, sono in aumento i cittadini che ricorrono di tasca propria alle prestazioni private, previo pagamento della tariffa intera; per non parlare di coloro che si trovano costretti a rinviare o a rinunciare alle cure, sia per gli eccessivi tempi di attesa che per l’insostenibilità delle spese sanitarie private.

Il Censis ha voluto rapportare i costi medi delle visite mediche ai tempi d’attesa nel pubblico e nel privato; il quadro delineato va inesorabilmente ad avvalorare l’orientamento sempre più marcato verso le cure a pagamento: se per una visita ortopedica statale ci vogliono in media 48 giorni con un ticket di circa 31 euro, recandosi da uno specialista privato il tempo si riduce a 5 giorni per un totale di circa 102 euro.
In caso di ecografia all’addome si spazia dagli oltre 79 giorni nel pubblico ai 5 giorni nel privato, con un costo medio rispettivo di 56 euro contro 110 euro. Analoga situazione è stata riscontrata anche per una richiesta di mammografia (pubblico: 62 giorni a 44 euro, privato: 6 giorni a 83 euro), o colonscopia (pubblico: 87 giorni a 56 euro, privato: 7 giorni a 224 euro) ma l’elenco è ancora lungo e spazia in diversi settori della medicina.*

Dai dati risulta evidente come la rapidità – ma anche la certezza – di ricevere una cura o una visita diagnostica condizionino le scelte di molti italiani, con notevoli ripercussioni sulle finanze familiari, tanto più in un momento di instabilità socio-economica come quello attuale. A questo proposito Pramerica, grazie al lavoro dei suoi professionisti Life Planner, offre una polizza assicurativa appositamente studiata per il rimborso delle spese mediche: una soluzione per chi desidera vivere il proprio futuro con la serenità di potersi rivolgere alle più adeguate strutture sanitarie, con un sostegno che accompagna l’Assicurato dalla fase preventiva alla diagnosi, dalla cura alla convalescenza.

Scopri Pramerica New Protezione & Salute.

 

*Fonte: Il sistema di welfare, 49° Rapporto Censis sulla situazione sociale del Paese