Newsroom

Pramerica aderisce all’Arbitro per le Controversie Finanziarie

Pramerica aderisce all’Arbitro per le Controversie Finanziarie (ACF) operativo dal 9 gennaio 2017 presso la Consob. Il nuovo sistema di risoluzione extragiudiziale delle controversie si pone l’obiettivo di fornire un efficace strumento di tutela degli interessi degli investitori. L’accesso all’ACF è del tutto gratuito per l’investitore e sono previsti termini ridotti per giungere a una decisione (90 giorni dal completamento del fascicolo).

Ambito di applicazionePotranno essere sottoposte all’ACF (fino ad un importo richiesto di 500.000 euro) controversie relative alla violazione degli obblighi di informazione, diligenza, correttezza e trasparenza cui sono tenuti gli intermediari nei loro rapporti con gli investitori nella prestazione dei servizi di investimento (ad es. erogazione del servizio di consulenza, di collocamento o di ricezione e trasmissione ordini).

Modalità di svolgimento – Prima di ricorrere all’Arbitro è necessario che:

  • sia stato, con riferimento agli stessi fatti, già presentato un reclamo a Pramerica che ha risposto in maniera insoddisfacente oppure non ha risposto affatto nei 60 giorni successivi alla presentazione;
  • la somma richiesta non superi i 500.000 euro;
  • sugli stessi fatti oggetto di ricorso non siano in corso altre procedure di risoluzione extragiudiziale delle controversie.

Solo se non si riceve risposta trascorsi 60 giorni dall’invio del reclamo a Pramerica o se la risposta ottenuta non è ritenuta soddisfacente, è possibile rivolgersi direttamente all’ACF attraverso l’apposito modulo messo a disposizione sul sito internet  www.acf.consob.it.

La presentazione del ricorso avviene online, attraverso il sito web dell’ACF al quale è necessario registrarsi e, ottenute le credenziali, accedere all’area riservata e proporre il ricorso inserendo le informazioni richieste dalla procedura.

L’adesione all’ACF rappresenta per Pramerica un ulteriore tassello nella sua volontà di una maggiore trasparenza e correttezza nei confronti del mercato e dei suoi Assicurati.