Newsroom

Il 65% degli italiani è preoccupato per la sua pensione

Oltre il 52% dei cittadini europei dichiara di essere preoccupato per il proprio futuro e, in particolare, ritiene di non disporre delle risorse necessarie per smettere di lavorare al sopraggiungere dell’età pensionabile.

I timori e le paure circa le proprie prospettive economiche, nel periodo del pensionamento, sembrano  direttamente proporzionali alla minor penetrazione della previdenza complementare.

In particolare, i lavoratori più spaventati risultano essere gli Spagnoli (73%), seguiti dagli Italiani (65%) e dai Francesi (64%); proprio quelle popolazioni in cui la cultura e la conoscenza dei prodotti di previdenza complementare sono scarse, con la conseguenza che la sottoscrizione di pensioni integrative sono ferme rispettivamente al 29% in Italia e Spagna, al 32% in Francia.

L’indagine – di recente pubblicazione – che ha consentito l’individuazione di questi risultati è stata condotta su un campione di 12.000 risparmiatori distribuiti in 12 Paesi europei ed offre, oltre ad una visione dei dati aggregati per paese, anche una differenziazione di genere, dalla quale si evince che solo il 44% degli uomini sottoscrive una pensione integrativa ma, ancor peggio, solo il 37% delle donne lo fa.

In particolare, l’Italia detiene un record negativo con solo il 24% di donne titolari di previdenza complementare e ben il 72% di lavoratrici preoccupate per il proprio futuro.

Al contrario, è proprio laddove si registra la maggiore serenità riguardo al ritiro dal lavoro che è molto diffusa l’adesione a formule di previdenza complementare. Ad esempio, i Paesi Bassi registrano solo il 27% dei lavoratori preoccupati e ben il 67% della popolazione attiva dichiara di aver aderito a formule di previdenza complementare; quest’ultimo dato va considerato con una media Europea di adesione del 42%.

Diventa di significativa importanza far si che le persone acquisiscano maggiore conoscenza e consapevolezza degli strumenti di previdenza complementare a loro disposizione, così da poter pianificare un futuro meno incerto ed economicamente più stabile. Un primo step, volto alla scoperta delle formule di previdenza integrativa, è l’affidarsi a consulenti esperti che siano in grado di consigliare il prodotto più idoneo ai bisogni e alle esigenze – familiari e professionali – del potenziale sottoscrittore.

Per avere maggiori informazioni sui prodotti Pramerica della Linea Previdenza clicca qui     


 

Fonti:

  1. www.etribuna.com – Articolo pubblicato Martedì 18 settembre 2012
  2. InsuranceDaily – Articolo pubblicato Martedì 18 settembre 2012
  3. Studio di ricerca internazionale effettuato da: ING Direct